Agromin

Kmetijstvo manjšin
Agricoltura delle minoranze

sponsor

Deželna kmečka zveza
Associazione regionale Agicoltori
Comunità Autogestita Costiera della Nazionalità Italiana
Obalna samoupravna skupnost italijanske narodnosti

descrizione del progetto Agromin

Il presente progetto nasce dall’esigenza congiunta di valorizzare le risorse del settore primario che fanno capo alla minoranza italiana in Slovenia e la minoranza slovena in Italia e dalla intensa collaborazione degli anni scorsi che conferma la previsione dei documenti programmatici Interreg costituendo un ponte di comunicazione tra la Slovenia e l’Italia.

Il presente progetto è strettamente coordinato con l’altro progetto di collaborazione tra le minoranze “Minoranze e turismo - Animazione turistica e promozione congiunta del territorio transfrontaliero” e continua l’esperienza di ottima collaborazione nell’ambito del programma Interreg Italia-Slovenia in campo imprenditoriale (Progetto Zone artigianali) e in campo cultuale e sportivo (12 progetti di collaborazione).

Il progetto congiunto prevede la individuazione e valorizzazione congiunta di alcune risorse del territorio transfrontaliero con particolare attenzione alle produzioni locali e azioni mirate alla valorizzazione di prodotti ad alto valore aggiunto e di prodotti tipici locali e tradizionali, che porteranno alla riconoscibilità degli stessi e nel contempo rafforzino la visibilità del territorio da sempre abitato dai due gruppi etnici.

Molte produzioni tipiche locali si contraddistinguono per la loro elevata qualità: vini, olio di oliva, miele, prodotti lattiero caseari, insaccati, ma anche frutta e verdura, che vengono prodotti su entrambi i lati del confine e coinvolgono produttori membri delle due minoranze. Le produzioni sono svolte da diversi piccoli produttori, cui manca però la possibilità di un collegamento e di un’azione congiunta per l’analisi dei prodotti, la sistemazione di un punto informativo, gli strumenti di informazione e valorizzazione.

Il progetto durerà da aprile 2005 a dicembre 2007 per un costo totale di 419.800 Euro (250.000 € in Italia e 169.800 € in Slovenia) e coprirà l’area territoriale della Provincia di Trieste in Italia e la regione statistica Carso-Litoranea in Slovenia. I target groups diretti del progetto sono gli operatori agricoli delle due minoranze, le loro organizzazioni di categoria e le altre associazioni rappresentative, insieme a vari professionisti (sommelier, assaggiatori, giornalisti, ecc.). I target groups indiretti del progetto sono tutti gli abitanti dell’area transfrontaliera e oltre, insieme anche ai turisti coinvolti nelle attività di informazione e sensibilizzazione attuati nell’ambito del progetto.